itenfrdees
Lunedì, 10 Gennaio 2022 22:17

DAKAR 2022 TAPPA 8 VITTORIE PER SUNDERLAND ED EKSTRÖM

Rate this item
(2 votes)

La 44a edizione della Dakar è stata collocata sotto il segno della sabbia e l'8a tappa ne è stata una delle perfette illustrazioni. Gli 830 chilometri della giornata hanno portato la carovana verso sud tra Al Dawadimi e Wadi As-Dawasir. Era ancora nel cuore del regno e nella provincia di Riyadh che una seconda speciale consecutiva di quasi quattrocento chilometri attendeva i concorrenti. Nel menu, 24% di dune, la percentuale più alta dall'inizio del rally. Solo la penultima tappa riserverà una percentuale così alta, che fa ben sperare per fare la differenza alla vigilia del traguardo. Fu prima con il Nafud (Deserto) come Surrah che lo speciale iniziò con abbondanti dune in cui alcuni concorrenti dovettero percorrerlo più volte prima di conquistare le loro vette, a volte quasi 1000 metri sul livello del mare. Una vera e propria traversata di dune in cui il pilota Audi Mattias Ekström è rimasto cauto alla sua prima esperienza alla Dakar quando “Mister Dakar” si è strappato il cofano mentre sbatteva su una duna. Una prima parte impegnativa del cronometro prima di cambiare completamente scenario per entrare in un universo più minerale e nei suoi canyon, un labirinto propizio alle cacce al tesoro in cui sono rimasti intrappolati gli esploratori Cornejo - ma maestro nel campo - e Barreda. C'erano tutti gli ingredienti simbolici della Dakar. Distanza, dune e navigazione. La tensione aumenta man mano che ci avviciniamo alle fasi finali, soprattutto nel fazzoletto della classifica motociclistica. Spinto da Adrien Van Beveren dalla sedia del leader, Sam Sunderland non ha lasciato questo privilegio a suo "cognato" per più di un giorno. Il vincitore della Dakar 2017 è andato in modalità riconquista, ha fatto segnare il miglior tempo della giornata e si è piazzato ai vertici della classifica, mentre il francese della Yamaha, penalizzato dal guasto del suo svolgitore automatico del road-book, ha visto anche l'austriaco Matthias Walkner gli passa davanti. In 3a posizione a 4'43'' dal Sunderland, VBA può ancora puntare in alto, ma deve guardare anche nella sua retro, dove i piloti Honda sono davvero minacciosi, in particolare Pablo Quintanilla che ha solo 47'' dietro di sé. L'orizzonte è molto più chiaro nei quad, Alexandre Giroud ha spinto via Pablo Copetti di oltre mezz'ora vincendo la sua seconda speciale dell'anno. Il margine di Nasser Al Attiyah è ancora più comodo, ma le sue notti non saranno necessariamente più tranquille. Innanzitutto perché il suo primo inseguitore si chiama Sébastien Loeb… quel tipo di ragazzo che non si arrende. Anche in riserva dopo aver forato e poi perso una ruota (vedi reazione di giornata), il francese è recuperato in pista a sette minuti dal ritardo. In seguito, lo stesso qatariota non è immune da una flessione, e si è spaventato rompendo la trasmissione posteriore e guidando per la tappa su due ruote motrici. Il boss della gara sta prendendo un avvertimento gratuitamente e deve già credere che l'Audi prometta di rendere la sua vita ancora più difficile il prossimo anno. Le tre Q RS e-tron non possono più preoccuparlo in classifica generale, ma si sono piazzate nelle prime quattro file della classifica, Mattias Ekström in testa (vedi la prestazione di giornata). Lo stesso tipo di paura può perseguitare "Chaleco" Lopez, che ha davanti un boulevard per vincere nel T3 (1h20' di vantaggio su Sebastian Eriksson), ma senza battere ciglio il raid di Seth Quintero sulle speciali della Dakar 2022: otto su nove, serie in corso e record nel mirino! Nulla è deciso nella SSV, tuttavia, dove domina un altro americano. Ma Austin Jones è solo 6'38'' davanti al compagno di squadra della South Racing Gerard Farres, e un quarto d'ora davanti al fratello minore di Goczal Michal. Il maggiore, Marek, si assume la responsabilità di aumentare il suo contatore di tappe vincendo per la quarta volta. In camion è girone chiaro per Kamaz: con lui anche un quarto di speciali in mano, Dmitry Sotnikov si porta in testa alla classifica generale a 11'25'' su Eduard Nikolaev. fonte dakar.com foto redbullcontentpool.com

Read 95 times

© Copyright 2005-2021 Monzaspeed.it Disclaimer & Contatti Web Designer Fabio Brambilla Grafica Jack323 Licenza Privacy Policy