Lunedì, 10 Giugno 2024 21:37

DTM WITTMANN A ZANDVOORT DAL 14° POSTO ALLA VITTORIA

Rate this item
(0 votes)

Spettacolo impressionante di Marco Wittmann tra le dune di Zandvoort: l'uomo di Fürth ha iniziato domenica la sesta gara della stagione DTM dalla 14a posizione con la BMW M4 GT3 e ha già recuperato molte posizioni nella prima metà della gara. Dopo un pit-stop perfettamente programmato, il 34enne del team Schubert Motorsport ha preso il comando, che ha portato fino al traguardo a 7.239 secondi. “Non avrei mai pensato che sarei passato da così lontano in testa e avrei vinto. Dopo aver toccato Mirko Bortolotti, il cuore mi è sprofondato fino alla pianta dei piedi. C'era così tanto fumo nella cabina di pilotaggio che a volte non riuscivo quasi a vedere nulla. "Sono davvero felicissimo di aver portato a casa questa vittoria", ha detto Wittmann, felice del suo 19esimo successo nel DTM. Mirko Bortolotti (I) ha conquistato il secondo posto con la Lamborghini Huracán GT3 Evo2 della SSR Performance, salendo così al secondo posto nella classifica generale. Il pilota Audi Kelvin van der Linde (ZA) di Abt Sportsline ha aumentato il suo vantaggio in campionato a otto punti al terzo posto. La partenza è stata perfetta per Bortolotti. L'italiano è riuscito a superare il poleman e collega Maximilian Paul (Dresda) della Paul Motorsport alla seconda curva e prendere il comando. Poco dopo, la safety car è dovuta scendere in pista per la prima volta a seguito degli incidenti che hanno coinvolto il pilota della Mercedes-AMG Lucas Auer (A) e Clemens Schmid (A) sulla McLaren 720S GT3 Evo. Dopo la ripartenza, dietro la coppia di testa si sono schierati l'eroe locale Thierry Vermeulen (NL) con la Ferrari 296 GT3 dell'Emil Frey Racing e il leader del campionato Kelvin van der Linde. Un'altra entrata della safety car all'undicesimo giro non ha cambiato questo ordine, ma è stato confuso dopo i pit stop obbligatori. Bortolotti è riuscito inizialmente a mantenere la testa della corsa, mentre un lento cambio gomme ha riportato indietro Paul, secondo in classifica. Il pilota della BMW Wittmann, che aveva già guadagnato diverse posizioni, è stato l'ultimo pilota a montare le nuove gomme Pirelli e poi ha preso il comando. Nonostante le gomme inizialmente fredde, il due volte campione si è difeso dall'impetuoso italiano, che gli ha toccato il posteriore sinistro mentre tentava il sorpasso. Nonostante il conseguente sviluppo di fumo nella parte posteriore del veicolo, Wittmann ha continuato ad aumentare il suo vantaggio ed è uscito vincitore dopo 38 giri spettacolari. Bortolotti è riuscito a finire secondo davanti a Kelvin van der Linde, che ha attaccato più volte. L'olandese Vermeulen è arrivato quarto e ha sfiorato il podio nella gara di casa. Luca Stolz (Brachbach) si è assicurato il quinto posto con la Mercedes-AMG GT3 del Mercedes-AMG Team HRT. Arjun Maini (IND) ha concluso la gara di domenica al sesto posto con la seconda Mercedes-AMG GT3 della HRT. René Rast (Bregenz) è riuscito a recuperare sulle montagne russe delle dune in modo simile al suo compagno di squadra Wittmann. Il tre volte campione DTM è passato dal 20° al settimo posto. Sheldon van der Linde (ZA) ha concluso ottavo con la terza BMW della Schubert Motorsport, mentre il poleman Paul si è dovuto accontentare del nono posto. L'attuale campione Thomas Preining (A) ha concluso il sesto round del DTM al decimo posto con la Porsche 911 GT3 R di Manthey EMA. Alla prima tappa estera della serie sul circuito di Formula 1 di Zandvoort, 28.000 spettatori hanno assistito ad emozionanti sport motoristici con numerose manovre di sorpasso e gare emozionanti fino alla fine. Mirko Bortolotti: “Quando prendi il comando alla prima curva e sei in testa per così tanti giri, ovviamente vuoi vincere. Alla fine devo accontentarmi del secondo posto. Negli ultimi giri l’asse posteriore dava una sensazione strana e i piloti dietro di me esercitavano molta pressione”. Kelvin van der Linde: “Nella fase finale il gruppo di testa si è avvicinato molto. A volte dovevo guardare più nello specchietto retrovisore che davanti a me; Thierry Vermeulen con la Ferrari dietro di me era davvero veloce in rettilineo. Sono particolarmente contento del terzo posto del nostro equipaggio, che recentemente ha lavorato molto con due eventi DTM e la gara di 24 ore al Nürburgring”.

Read 43 times

© Copyright 2005-2023 Monzaspeed.it Disclaimer & Contatti Web Designer Fabio Brambilla Grafica Jack323 Licenza Privacy Policy